Il cancro ovarico

cancro ovarico
cancro ovarico

Se una donna compare nelle ovaie di istruzione, ciò non significa che lei ha il cancro. Le ovaie sono spesso molto benigni, e solo il 15% di loro sono maligni. Purtroppo, con l’età, il rischio di trasferimento di un tumore benigno in un aumento maligne. Anche formata nelle ovaie dei cosiddetti “tumori tipo borderline”, che sono intermedie tra tumori benigni e maligni.

La prognosi per il cancro ovarico è molto peggiore rispetto ad altri tipi di cancro degli organi riproduttivi, perché nelle prime fasi della malattia è asintomatica, che ritarda la diagnosi.

Fattori di rischio

Le cause esatte del cancro ovarico non sono noti, ma avevano stabilito una serie di fattori che riducono il rischio di ammalarsi. Tra di loro – la pillola anticoncezionale e la gravidanza. Si ritiene che il meccanismo di azione della pillola contraccettiva, t. E. Per prevenire l’ovulazione, che si verifica durante la gravidanza protegge le ovaie. Apparentemente, dovute a diversi fattori rimozione chirurgica dell’utero e contraccettivo hanno anche un effetto protettivo.

Come già accennato, il rischio di cancro ovarico aumenta con l’età. La maggior parte dei pazienti con carcinoma ovarico – le donne di età compresa tra 60-69 anni. Dopo 69 anni, l’incidenza di cancro alle ovaie diminuisce rapidamente. In rari casi, la malattia si verifica nelle donne giovani.

La sua presenza è influenzata anche da fattori ormonali. Infertilità, endometriosi, la terapia ormonale durante la menopausa, così come diverse violazioni della funzione ovarica e aumentare il rischio di cancro.

Circa il 10% dei casi di cancro ovarico sono ereditari. Il gruppo a rischio comprende le donne che si trovano nella famiglia sindromi genetiche del cancro ovarico, tumore al seno (BRCA1 o BRCA2 mutazione) o sindrome di cancro colorettale (HNPCC).

sintomi

Nelle prime fasi del cancro ovarico è quasi non si manifesta, e quindi al momento della diagnosi hanno il tempo di silenzio e indolore crescere nella cavità addominale. Nelle fasi iniziali della malattia sono diagnosticati di solito per caso durante un esame pelvico.

Fino ad oggi, un metodo di screening per individuare la malattia nelle sue fasi iniziali non è nayden.Simptomy cominciano ad apparire solo quando il tumore ha già raggiunto grandi o diffuso ad altri tessuti o organi. In primo luogo, essi possono essere condivisi e piuttosto vago: affaticamento, sensazione di pesantezza nel basso addome, difficoltà urinarie, violazione degli intestini, problemi digestivi, o perdita di appetito, gonfiore, dolore addominale o alla schiena.

Diagnostica

Gli studi iniziali per la diagnosi di cancro ovarico è una visita ginecologica. Si è completato da ultrasuoni, CT e MRI, nonché l’esame interno della cavità addominale (esame laparoscopico). Un ruolo importante nella diagnosi, la nomina di un corretto trattamento e follow-up gioca un esame del sangue per i marcatori tumorali. Il marcatore tumorale più accurato nel cancro ovarico è CA 125. Un nuovo marcatore tumorale HE4 per distinguere il cancro ovarico da endometriosi. Le decisioni di trattamento iniziali più comuni già adottate sulla base dell’analisi clinica, tuttavia, una diagnosi accurata è fatta solo dopo aver esaminato il tessuto al microscopio.

Trattamento

Il cancro ovarico è trattato come un chirurgicamente e la chemioterapia e la radioterapia.

Il principale trattamento per il cancro ovarico è la chirurgia, in cui molti campioni prelevati dal tessuto pelvico e addome, diaframma e linfonodi. Rimosso entrambe le ovaie, le tube di Falloppio, l’utero, il cieco e l’omento. La rimozione dei linfonodi sono anche soggette a una serie di l’arteria principale del cuore, aorta e bacino linfonodi. tessuto tumorale cercando di rimuovere completamente (il più possibile).

Di solito, il trattamento chirurgico è completato da chemioterapia. Limitato da una sola operazione è possibile solo nel caso in cui se è accertato che il tumore si è diffuso solo per l’altro tipo di ovaio e le sue cellule sono ben differenziate.

Se il cancro non si è diffuso oltre l’ovaio e il secondo paziente vuole avere figli in futuro, forse solo la rimozione delle ovaie. Tuttavia, qualora tale rischio recidiva trattamento può essere superiore, è necessario considerare e spiegare il paziente.

cancro ovarico
cancro ovarico

Con carcinoma ovarico ricorrente in una fase successiva può essere necessario per facilitare la condizione di funzionamento del paziente, se il tumore, per esempio, bloccare il tratto urinario o dell’intestino.

metodo di trattamento

farmaci citotossici sono spesso utilizzati in forma di iniezioni endovenose, almeno – in forma di compresse.

I più comuni trattamenti per il cancro ovarico nelle prime fasi – carboplatino o cisplatino utilizzati in coppia con taxolo (paclitaxel). Altri agenti possibili: gemcitabina, topoteksan, doxorubicina e lipozomal doksubitsin.

Il corso di farmaci chemioterapici per via endovenosa comprende la ricezione di una procedura che richiede alcune ore per un paio di giorni. L’intervallo tra i trattamenti dura per diverse settimane, durante le quali il paziente recupera. Procedure e spezzare il ciclo di trattamento. Il numero di cicli dipende dal tipo di tumore e l’efficacia del trattamento.

La chemioterapia è di solito eseguita su una base ambulatoriale, ma potrebbe essere necessario spendere un paio di giorni in ospedale.

Le formulazioni possono essere somministrati direttamente nella cavità addominale attraverso il catetere. Questo è chiamato introperitonealnaya (intraperitoneale) chemioterapia e viene utilizzato in combinazione con la chemioterapia endovenosa.

Effetti collaterali

La chemioterapia può causare effetti spiacevoli, ma possono essere superati facilmente altri farmaci.